Quanto tempo andrebbero conservate le bollette?

I termini di prescrizione delle bollette variano dai 2 ai 10 anni. Con EasyPol hai un unico archivio digitale per tutte le ricevute di pagamento.

Sapere per quanto tempo dovresti conservare le bollette della luce e del gas può farti risparmiare tempo e denaro, ma soprattutto può farti evitare spiacevoli inconvenienti con un fornitore in caso di reclami o ritardi nei pagamenti.

Le bollette vanno conservate per sicurezza, ossia come prova di pagamento delle stesse in caso di contenzioso con la società di fornitura. 

Capita di frequente che, a causa di un ritardo nei pagamenti, la società di fornitura mandi un sollecito o una richiesta di dimostrazione dell’avvenuto pagamento. 

Ciò che ci permetterà di dimostrare il nostro pagamento sarà la ricevuta di pagamento, non tanto la bolletta: solo la prima, infatti, costituisce prova dell’adempimento, mentre la seconda è un documento necessario all’utente per verificare i consumi.

Abbiamo capito quanto sia importante non gettare le ricevute di pagamento: ma per quanto tempo vanno conservate queste ricevute?

Hai una bolletta da pagare? Fallo subito con EasyPol!

Prescrizione delle bollette: termini aggiornati

Generalmente la maggior parte dei documenti va conservata per un periodo che varia tra i cinque e i dieci anni.

I termini di prescrizione delle bollette, ossia il periodo di tempo oltre il quale il fornitore non può più chiedere alcun pagamento, sono diversi a seconda del tipo di bolletta.

Fino a poco tempo fa, la prescrizione era di 5 anni. Secondo la nuova Legge di Bilancio 2020 (L. n. 160/2019) bisogna conservare le bollette di luce, gas e acqua per 2 anni.

Recentemente, quindi, i termini di prescrizione sono cambiati ed è quindi fondamentale valutarli in base alla data di emissione della bolletta. E’ utile un breve riepilogo, nello specifico:

  • energia elettrica: per le bollette emesse a partire dal 2 marzo 2018, il termine di prescrizione è di 2 anni (non più 5):
  • gas: per le bollette emesse a partire dal 2 gennaio 2019, il termine di prescrizione è di 2 anni (non più di 5);
  • acqua: per le bollette emesse a partire dal 2 gennaio 2020, il termine di prescrizione è di 2 anni (non più 5);
  • telefono: il termine della prescrizione è di 5 anni.

Piccola precisazione: per le bollette della luce che contengono anche il canone RAI, il termine di prescrizione è di 10 anni.

EasyPol: l’app per i promemoria di pagamento e archivio ricevute

Oggi è possibile pagare digitalmente anche le bollette di acqua, luce e gas. 

Con EasyPol il pagamento è facile, veloce e sicuro ed è anche possibile impostare dei comodi promemoria per non scordare mai più una scadenza ed incorrere in brutte more.

I vantaggi di avere un account EasyPol (totalmente gratuito) non finiscono qui: puoi salvare automaticamente tutte le tue ricevute di pagamento in un unico e pratico archivio digitale.

Puoi anche personalizzare il tuo archivio digitale: grazie alla funzionalità Gruppi ti sarà possibile creare delle cartelle in cui salvare le tue ricevute raggruppandole per categoria.

D’ora in poi non dovrai preoccuparti di cercare le ricevute delle tue bollette all’interno di faldoni tra le altre scartoffie, ti basta scaricare EasyPol!

Provala subito 🙂 

 

Articoli in evidenza

Pagare le bollette online: cosa c’è da sapere